I remember the way (O, it still seems today)

she smiled the sweetest of smiles, turning my world upside down.

Everything seemed so perfect back then,

with just a smile she managed to surprise me again and again.


I knew that moment wouldn’t last forever,

so I clung on to it greedily; I had never thought

anything like that could happen to me.

Yet she walked in and set me free.


Come to my fathoms, I’ll be your shelter.

My feelings, I promise they’ll never falter.

‘Cause I once read on your lips that love is a jigsaw

and you are my missing piece.


Her breath down my throat was a blow of purest life,

it made me true and selfish at the same time,

for I realized it didn’t belong to me.

Still, I tried not to think and to breathe it in.


Today I’m alone, writing lyrics out of it.

Thinking back of moments that are now so far away.

I really wish you could have stayed.

Waves of woe and glee won’t seem to stop crashing into me.


Come to my fathoms, I’ll be your shelter.

My feelings, I promise they’ll never falter.

‘Cause I once read on your lips that love is a jigsaw

and you are my missing piece.


This infinite distance between us, at night I can remove it.

I still feel you by my side, and it’s wonderful, living blindfolded

and smelling your scent, I can almost feel your touch.

Nobody will ever take this feeling away.


I could spend my whole life waiting for you,

just to say thanks for everything

you presented me with in just one day:

I want you to know it was the best day ever.


And if we ever meet again, dewy-eyed, I’ll stare at the sky we share.

See, all these stars I’ve named after you, my angel. If you leave once more

my whole life will go awry, this perfection I’m scared to death I may blemish.

Reach your hand out and hold mine, stay close, with a kiss I pour my soul into yours.

The air you breathe into me is all I ever want to breathe.


Come to my fathoms, I’ll be your shelter.

(I miss your smile, my love)

My feelings, I promise they’ll never falter.

(I miss the look of your eyes)

‘Cause I read on your lips that love is a jigsaw

(I miss the taste of your kiss)

and you are my missing piece

(please help me make it seamless) x2

This bitter poison I’m drinking
It’ll erase the memory of the nights we spent together
You kept repeating  ‘from you I never want to part’
Yet you never caressed me, you just clutched my life
Tightening your hold, I’m now bound to fall

That’s not a pen, honey, it’s a knife
As the blade runs through my skin
I carve on myself three last words
‘I HATE YOU’
That’s not ink, honey, it’s my blood
Scars are forever, my forgivance, you’ll have it (NEVER)

If I can’t marry you I’ll just mar you,
For a firefly is no match to a supernova
I dived into flames just to save you and you weren’t there
Is it a matchbook you’re hiding? (I can smell oil on your hands)
Bluest skies turn crimson red, that reminds me of when she said ‘forlorn’ instead of ‘sad’
The very colour streams down her face, sunglasses wouldn’t shield her
Darling, I never planned to gouge your eyes out
Still, the only way to leave this bed was for you to be…
Escaping is no use, I’ll hunt you, I’ll hurt you (that’s what you used to do)
Heartbeats hasten as she screams my name from her grave

That’s not a pen, honey, it’s a knife
As the blade runs through my skin
I carve on myself three last words
‘I HATE YOU’
That’s not ink, honey, it’s my blood
Scars are forever, my forgivance, you’ll have it (NEVER)

Stop praying for him to come and rescue you
What makes you so blind, why is it that you can’t see?
You’re relying on a man named G-o-d-o-t
She pleads and tells herself once again “tomorrow, tomorrow he’ll come and save me”
If you can’t be mine, as this night draws to an end you will do, too
(to the head, to the mouth, to the lips, this is everything you get)
Was it fun to smash my feelings? All these tiny pieces just won’t fit together anymore
(to the fist, to the wrist, to the veins, can you stop the edge before it reachs your neck?)

That’s not a pen, honey, it’s a knife
As the blade runs through my skin
I carve on myself three last words
‘I HATE YOU’
That’s not ink, honey, it’s my blood
Scars are forever, my forgivance, you’ll have it (NEVER)

I’m out of ink.

Angel of Sorrow

Our hearts, folded up with thorns, are now bleeding
Why, you asked for roses, barbwire is all I ever gave you
Lights grow dim as she realizes that this glass
Is neither half empty nor half full
There’s just no glass at all

Take a look at my eyes,
See, you were everything to me
Betrayal will be no more,
This embrace was only meant to daub more tar on your feathers

I know she saw this coming, but decided to stay
There was love tinged with hate in her voice when she eventually asked:
‘is it my grave you’re digging?’
But you don’t mind dying for me, do you?

You wish you could fly away, I bid you to fall
Black wings will lead your way to the bottom as I push you down the cliff
We had everything, you wasted it all, spare one very last kiss
The hourglass in my hand says it’s high time you fade away

I know she saw this coming, but decided to stay
There was love tinged with hate in her voice when she eventually asked:
‘is it my grave you’re digging?’
But you don’t mind dying for me, do you?

They say hatred dampens feelings,
But if tonight you shatter, my world will do, too
(I know she saw this coming, but decided to stay)
‘cause I know, I know frozen lips won’t kiss me back
(there was love tinged with hate in her voice when she eventually asked:)
I’m falling with you tonight on my own will, so
(‘is it my grave you’re digging?’)
You see, when you asked me if I’d share your deathbed I didn’t say ‘no’
(but you don’t mind dying for me, do you?)
But I don’t mind dying for you, after all (x2)

I’m falling with you tonight on my own will, so
You see, when you asked me if I’d share your deathbed I didn’t say ‘no’
I don’t mind dying for you, after all

Barbwire will slowly swallow our grave.

Era stata sollevata la problematica del testo “Matrix” una volta copiato dal documento .pdf e incollato in un Editor di testo. Ho dedicato un po’ del mio tempo a ricopiarlo manualmente (o forse tastiericamente?), in modo che possano essere fatte delle citazioni senza dovere ogni volta andare a riaprire il file .pdf e trascrivere parola per parola. Consiglio comunque una rilettura, con la tastiera del laboratorio dovrebbe essermi scappato qualche errore di battitura.

I have a Dream

L’autore, Bendetto de Bernard, uno dei maestri della Biochimica italiana, già ordinario di Biochimica e pro-rettore dell’Unversità degli Studi di Trieste, nonchè membro del Comitato Nazionale di Bioetica, autoredi centinaia di pubblicazioni scientifiche, pone in risalto in questo articolo, tratto dal num. 48/2006 de L’Arco di Giano (pag. 99-107), l’importanza di una forte intesa tra docente e allievi nella preparazione del futuro medico. Nell’analisi della lentezza da parte delle facoltà medich di mettere l’attività didattica intesta ad ogni altra funzione, l’autore pone in rilievo l’importanza del ruolo del Preside. La necessità di una continua educazione del medico anche dopo la laurea viene richiesta a causa dell’incessante sviluppo della ricerca scientifica e della rapida senescenza delle conoscenze acquisite. (n.d.r.)
L’autonomia del paziente: paradigma bioetico e politico della modernità occidentale.
Sono consapevole di essere entrato in un ossimoro, fra il titolo e la urgenza di rinnovare la Facoltà di Medicina. Ma per correggere il tiro userò un altro ossimoro, dirò: “festina lente”.

INTRODUZIONE
Dopo aver insegnato in una facoltà medica per oltre 40 ani, dopo aver partecipato a gruppi di lavoro sulla didatica in medicina, sia internazionali che nazionali, dopo aver analizzato, studiato, proposto e applicato vari modelli didattici, sono arrivato alla conclusione che tutta la problematica su come formare nuovi medici, di cui tutti, docenti e pazienti, avvertono la grande importanza e urgenza, debba essere vista da un nuovo punto di vista, che definirò dopo aver analizzato i vari aspetti del problema.
A questo proposito desidero subito precisare che non intendo sviluppare ciascuno degli aspetti che toccherò nella mia proposta, ampiamente trattati dalla letteratura medica, volendo dare precedenza al messaggi che sto proponendo.

LA FACOLTA’ MEDICA VISTA COME UN TEMPIO
Io vedo la facoltà di Medicina come un tempio, dove si celebra un rito, in cui operano dei sacerdoti, assistono dei fedeli e il cui oggetto del culto è il paziente. In questa allegorica visione i sacerdoti sono chiaramente i docenti.
Chi deve dunque insegnare?
La mia risposta è: chi ha “la testa ben fatta” (Morin,1). Questa si differenzia dalla “testa ben piena”, nella quale come dice Morin, il sapere è accumulato, ammucchiato, e non dispone di un principio di selezione e di organizzazione.
“Una testa ben fatta significa che invece di accumulare il sapere è molto più importante disporre allo stesso tempo di:
– una attitudine generale a porre e a trattare i problemi;
– principi organizativi che permettano di collegare le cognizioni e dare loro senso.”
Chi deve dunque insegnare?
Non si dica più i titolari delle varie discipline. Deve essere chiamato alla funzione di insegnare:
A) chi è innamorato della sua disciplina e B) ha l’umiltà e il desiderio di trasmettere questa passione ad altri. Ritengo questo un punto molto importante, perchè, ad esempio, ho conosciuto fra i miei colleghi magnifici ricercatori, amanti del proprio lavoro, ma incapaci di trasmettere la essenza della propria disciplina e quindi di trasmettere le basi della specifica conoscenza, arrivando a parlare soprattutto delle proprie ricerche, con conseguenze disastrose sulla formazione del futuro medico.
Costoro danno un cattivo esempio agli allievi, perchè dimostrano incapacità di integrarsi con gli altri colleghi: nela attività medica sapersi integrare è di importanza fondamentale.
Il problema è quindi quello di sceliere il docente opportuno.
Grazie allo straordinario sviluppo delle scienze mediche che ha dilatato i confini tra le varie discipline e ha aumentato le zone di confluenza, la scelta dei docenti fra i membri della facoltà credo sia facilitata.
Tocca al Preside la scelta. Costui è istituzionalmente l’unico responsabile della didattica della sua facoltà: egli deve conoscere molto bene le qualità, pregi e limiti di ciascuno dei suoi componenti e chiamare per le varie tappe di formazione del futuro medico chi è portato all’insegnamento.
Dato quindi per scontato il punto A) sopra indicato, il docente scelto deve amare trasmettere. Qui si tocca il punto più delicato del problema.
Il risultato dell’apprendimento dipende, secondo me, dalla intensità emozionale dell’incontro docente-discente.
Costui deve sentirsi affascinato dal docente, che deve essere quindi capace di trascinare i suoi allievi: costoro subendone il fascino, ameranno i concetti scientifici trasmessi e li ricorderanno per tutta la vita.
Il modo di essere del docente, il calore delle sue convinzioni, persino la sua gestualità sono più utili di qualsiasi modello di insegnamento, che gli studi sulla didattica medica vanno proponendo. Cioè il docente è libero di scegliere il modello che preferisce e che gli è più congeniale, persino la lezione ex-cathedra, accanto alla lezione-discussione del tipo seminariale o tutoriale, il tuto basato sia su “active learning” che su “problem based learning” (Nordio,2).
Ci sono tuttavia momenti, nella trasmissione delle conoscenze di una disciplina, che hanno una importanza formativa così forte da richiedere una esposizione solenne, quale può essere la esposizione a senso unico ininterrotto, fra il docente e gli allievi, cioè la lezione ex-cathedra. Questi sono i momenti in cui gli allievi credono in verbis al loro docente e si identificano con lui.
Chi frequenta le sale da concerto sa che questa fusione si verifica quando si ascolta un concertista capace di trasmettere all’uditorio l’emozione del momento musicale. Questa fusione viene avvertita persino dal concertista che nella serata ne beneficia e migliora continuamente la qualità della sua esecuzine.
Deriva da questa analisi che è essenziale e per i docenti e per il loro preside conoscere il risultato dell’atto didattico.
L’indagine docimologica va fatta stimolando gli allievi a esprimere la loro franca opinione, anonima, sulla qualità del docente, in quanto profondo e convinto conoscitore della sua disciplina e responsabile dei meccanismi di trasmissione della medesima. Non è affatto necessario che il risultato di tale indagine sia noto a tutti: anzi deve essere noto solo al preside, che in qualità di unico responsabile della formazione dei nuovi medici, può contattare il signolo docente, sia per applaudirlo come hanno fatto gli allievi o per invitarlo a correggere i lati criticati dagli studenti.
A questo punto non si può fare a meno di parlare anche dei contenuti degli studi medici.
E’ ovvio che non intendo affrontare il contenuto delle singole discipline, ma solo gli aspetti che sono comuni a tutte.
Il continuo sviluppo della ricerca scientifica, che caratterizzerà tutto questo secolo, fa sì che i docenti debbano essere invitati a non fare mai ricorso a protocolli o tabelle o classificazioni, che chiudono il pensiero medico e lo avviliscono.
Poichè la ricerca scientifica che permette lo sviluppo della medicina, è soprattutto affidata alle scienze di base, massima deve essere la integraione fra queste e le discipline cliniche.
La distinzione tra materie pre-cliniche e cliniche deve essere la più leggera possibile, rendendoci conto che “il pensiero clinico” comincia ad avvertirsi già durante lo studio della chimica biologica e della fisiologia.

QUALE TIPO DI MEDICO FORMARE?
Una persona certamente colta, ma anche ricca di umanità. Colto non vuol dire munito di una testa piena, ma deve sapere, saper fare e saper essere e infine saper sapere (Bertolini e Carinci,3).
Do quindi per scontato che egli deve aver molto studiato e appreso quello che i docenti della sua facoltà gli hanno insegnato; ma senza dimenticar mai che egli dovrà incontrare una persona che soffre nella carne e nello spirito.
Nella letteratura medica si legge che giunto alla laurea l’allievo è spesso privo di empatia (Nordio,2). Ma di chi è la colpa?
Mai condannare i giovani: essi sono creature splendide. Bisogna offrire loro le occasioni utili a guidare i loro impulsi.
Gli allievi di oggi, nel corso degli studi medici, sono ancora invitati a parlare con i pazienti ricoverati?
Essi debbono essere invitati a raccogliere nela cartella clinica del paziente non solo i dati ovvi (nome e luogo di nascita, precedenti malattie ecc.) ma anche altre informazioni, sottolineando loro che una anamnesi ben fatta è metà della diagnosi. Spiegando quindi che non basta raccogliere i fatti salienti sullo stato attuale morboso, ma anche che è altrettanto importante ricevere dalla conversazione informazioni sullo stile di vita del paziente, il vissuto nell’ambiente familiare e\o di lavoro, il suo modo di affrontare il “mestiere di vivere”, ricordando che il corpo e la mente sono inscindibili e che il primo è lo specchio della seconda. Si tratta di far assumere all’allievo il concetto di complessità. Morin (1) ricorda giustamente il senso originario del termine “complexus”: ciò che è tessuto insieme.

BACK TO THE FUTURE
Quali manovre della vecchia semeiotica sono ancora raccomandate, come auscultare il polmone e il battito cardiaco, sentire il polso, delimitare la proiezione esterna di un organo interno?
Tutte queste manovre avvicinano fisicamente il futuro medico al paziente e i due imparano a unirsi in una relazione di interdipendenza.
Ricordo ancora con emozione le lezioni di clinica in aula quano alla lezione partecipava anche il malato, che veniva presentato all’uditorio degli studenti, dichiarandone subito il consenso ed evitandogli ogni occasione di imbarazzo.
Pensando alla allegoria da me evocata all’inizio di questo scritto, che vedeva la facoltà medica come un tempio, in cui si consuma un rito, di cui oggetto è il paziente, i sacerdoti, i docenti, e i fedeli, gli allievi, nella lezione in aula con il paziente, si consuma veramente il momento del “canone”.
E Il canone veniva seguito da noi studenti nel più profondo silenzio e tacita commozione.
Impossibile dimenticare l’evento e gli studenti uscivano ammirati, più colti e partecipi al programma di terapia del paziente. Difficile immaginare un modo diverso per alimentare negli allievi l’empatia di cui si lamenta la carenza negli studenti di oggi.
Gli studenti discutevano l’evento fra loo. Alcuni sviluppavano una acuta curiosità sul problema posto dal paziente e affrontato dal clinico.
E questa è senza dubbio una facoltà da coltivare e che invece l’insegnamento spesso spegne anzichè stimolarla e risvegliarla se sopita (Morin,1).
Altri studenti invece esprimevano dubbi sulla raccolta ed esposizione dei dati anamnestici del paziente e sopratutto sualla strategia operata dal clinico. Anche questa è un’attitudine sana negli studenti e va coltivata durante l’insegnamento della medicina. Come dice Garattini (4) “bisogna avere l’idea che non vi sono mai certezze in medicina, perchè tutto può essere in discussione. E’ importante insegnare agli allievi ad essere critici e a non scambiare le proprie impressioni, anche del più illustre docente, per la verità. Da qui il convincimento, da sottolineare, che la medicina è problematica e che il ragionamento da sviluppare in medicina è quello basato sul problem solving”.
E’ ovvio che ho ricordato l’atmosfera della lezione ex-cathedra solo per inviare un messaggio, anche perchè l’insegnamento della medicina oggi richiede l’integrazione far docenti e la figura dell’unico grande clinico tende a scomparire.
Il messaggio che ho inteso trasmettere è che non basta nell’educatore la “cognitive congruence”, ma che i risultati migliori si hanno se questa si accompagna ad un’elevata “social congruence” (Schmidt e Moust,5). Si sottolinea infatti la necessità di una “possession of a suitable knowledge base with regard to the topic under study” accompagnata però da “willingness to become involved with students in an authentic way, and the skill to express oneself in a language undertood by students”. C’è un nuovo termine che compare nella letteratura sull’educazione medica: “emotional intelligence” (Shee Lippell and John Bligh,6).
Questi sono anche i parametri con cui il Preside può scegliere i suoi docenti,
Sono convinto che la lentezza con cui le Facoltà mediche italiane intraprendono la via di una didattica adeguata ala formazione dei nuovi medici dipende fondamentalmente dal fatto che non tutti ma proprio tutti i docenti della facoltà hanno lo stesso livello di “congruences”: se la loro percentuale è bassa il risultato sarà nullo o quasi.
Nell’Ordine del Giorno dei Consigli di Facoltà la voce “didattica” dovrebbe essere un punto costantemente presente al fine di rendere l’assemblea dei docenti costantemente attenta al problema più rilevante della vita accademica della facoltà medica.
In questo modo anche gli insegnanti meno disponibili ai cambiamenti o più legati ai tradizionali metodi di insegnamento verrebero man mano convinti a mutare attitudine o a rinunciare. Insisto sul fatto che non tutti sanno e amano insegnare anche se posso accettare che tutti siano competenti nel loro ambito professionale.

MEDICINA E TECNOLOGIA
L’elevato e mai abbastanza lodato sviluppo tecnologico, magnifico strumento diagnostico e talora terapeutico offerto oggi in medicina, deve essere tenuto in sordina nel momento formativo degli studenti. Esso va reso noto al fine di spiegare l’aiuto che la strumentazione può dare in medicina, ma soprattutto per imparare a informare il paziente che, allontanato dal suo medico per intraprendere il viaggio fra macchinari e specialisti muti e misteriosi, deve essere preparato al viaggio e, al ritorno, gli si deve spiegare il risultato delle misteriose indagini.
E’ importante invece che l’allievo sappia fare le operazioni più semplici, quelle che egli può svolgere direttamente accanto al suo paziente, sempre per mantenere vivi i rapporti fra i due.
Ha imparato, ad esempio, a usare bene il microscopio e a fare bene un esame del sangue, come la conta dei globuli rossi e bianchi e un esame del sedimento urinario?
Se diventerà un medico in un paesino di monagna deve sapere fare tutto questo e molto di più, prima che il suo paziente arrivi all’ospedale attrezzato. Gli allievi dunque secondo me debbono sapere che esistono le magnifiche attrezzature, ma che il paziente deve poter contare subito e soprattutto su di lui.
Tutta la sua formazione quindi deve essere indirizzata in tal modo dalla Facoltà.
Legato a questa visione è l’allontantamento del momento della scelta della specializzazione. Oggi addirittura si assiste al contrario ad un fatto disastroso sul piano della formazione del futuro medico: costui si preoccupa di indirizzare il suo futuro di specialista prima ancora della laurea, non sapendo che così egli esclude per sempre una visione integrata della medicina, andando ad ingrossare una categoria di medici incapaci di integrarsi con chi ha invece una visione più ampia della medicina.
La Facoltà esiga che l’allievo coltivi, per un tempo più lungo possibile, una attività clinica generale, prima di intraprendere gli studi specialistici.

PERICOLI PER IL FUTURO MEDICO
I pericoli futuri sono a) la pressione della industria farmaceutica; b) la senescenza delle cognizioni acquisite e c) il desiderio di ampi guadagni.
Il primo punto è straordinariamente interessante per le correlazioni che vi sono implicate.
La domanda è: fra il medico e l’informatore farmaceutico chi è più colto?
Allo stato attuale delle cose, specie se il laureato da anni non opera più in ambiente molto informato, come il reparto universitario o ospedaliero, l’informatore, indottrinato dall’azienda cui appartiene, per fini commerciali, è il più forte.
La conseguenza di tale evento è una costante dilatazione della farmacopea con disastrose conseguenze per il paziente e per lo Stato. Si può ovviare in parte a questo problema insegnando agli studenti nel corso dei loro studi che i farmaci realmente efficaci per le comuni malattie sono pochi e ben comprovati e istituendo nelle facoltà la educazione permanente, che garantisce alla società una preparazione aggiornata dei medici operanti nel territorio. A questo fine si può chiedere collaborazione agli Ordini dei Medici. Non è solo l’aggiornamento delle conoscenze ezio-patologiche che verranno aggiornate, ma anche quello delle nuove scoperte in terapia, certamente fornito con criteri scientifici e non commerciali.
Per quanto concerne l’ultimo punto sono convinto che il desiderio di guadagnare presto e molto sia una delle cause e non delle minori del fallimento della qualità dela medicina attuale.
In una società come quella in cui siamo inseriti, in cui il successo di una persona viene misurato dal successo economico, preparare dei medici immuni da questo pericolo è molto difficile. Molto difficile, quasi quanto cercare di incrementare le vocazioni per il seminario o per un convento.
Quando un nemico è troppo forte non conviene combatterlo ma cooptarlo: “If you can’t fight them join them”.
Certamente l’esempio sarebbe una grande forza correttiva, ma ancora non si può pretendere ch improvvisamente tutte le facoltà di medicina diventino delle oasi di virtù e eroismo, benchè esistano singoli fulgidi esempi di medici per i quali i grandi guadagni non sono certo il massimo delle loro aspirazioni.
Credo che si potrebbe far qualcosa a livello degli esami di ammissione degli studenti alle facoltà mediche, assegnando un punteggio preferenziale a coloro che mostrano, in occasione dei test attitudinali, un autentico afflato umanitario.
Durante il percorso degli studi universitari fino alla laurea, il Preside o un suo prescelto, sicuramente immune da critiche di ambiguità, (predica bene, ma razzola male), dovrebbe spiegare agli studenti che, pur ammettendo legittima l’aspirazione a una giusta retribuzione per il proprio lavoro, il primo requisito è una ottima preparazione, ricordando che la competizione sarà fortissima e non sempre con armi leali. Inoltre andrebbe spiegato all’allievo che il successo e quindi il guadagno derivano solo dal numero di pazienti soddisfatti delle prestazioni ricevute.

CONCLUSIONE
Le facoltà mediche raccolgano dunque dei giovani con l’intento di prepararli, con vero amore, a svolgere una delle funzioni più nobili della attività umana, cioè curare e guarire, finchè è possibile, chi è ammalato e pertanto bisognoso di aiuto. Non è la prima volta che uso in questa mia serie di riflessioni la paola amore.
Ho parlato di docente innamorato dela sua disciplina, dell’allievo affascinato dal suo docente, dell’empatia del futuro medico verso il paziente, sono tutti eventi di tipo affettivo.
“Platone aveva già scoperto quale fosse la condizione indispensabile di ogni insegnamento: l’Eros, che è contemporaneamente desiderio, piacere e amore, desiderio e piacere di trasmettere desiderio per la conoscenza e amore per gli allievi” (Morin,1).
Sono convinto che dopo anni di studio su come preparare un medico moderno, durante i quali sono stati suggeriti vari modelli, più o meno validi o di successo, valga la pena di sollecitare le facoltà ad assumere una strategia dove prevalga il lato affettivo dell’educazione, il lato emotivo, piuttosto che quello squisitamente razionale, basato su schemi, tabelle e protocolli, lucidi e diapositive. Non temo fenomeni di clonazione intellettuale o plagio perchè il docente che ama veramente i suoi allievi ne cura anche lo sviluppo e la crescita indipendenti. L’altra valvola di sicurezza è costituita dagli allievi stessi che sanno distinguere, fra i docenti, coloro che possiedono personalità autentiche dagli imbonitori e venditori di fumo.
Anche la memoria, cioè il ricordare quello che si apprende, ha bisogno dello stimolo affettivo, nella accezione tedesca della parola; ricordiamo meglio quello che abbiamo amato, non quello che ci è stato somministrato.

Ringraziamenti
Ringrazio il prof. Gianfranco Sinagra della Università di Trieste per le fruttuose discussioni e le letture consigliatemi, durante la stesura di questo articolo.

Bibliografia
1. E. Morin, La testa ben fatta (2000, R. Cortina, Milano)
2. S. Nordio, 2002, L’arco di Giano, 34, 137-145
3. G. Bertolini e P. Carinci (1994), Il problema della conoscenza in medicina e nella formazione del medico, Guerini Studio, Milano, 29-37
4. S. Garattini (1994), Il problema della conoscenza in medicina e nella formazione del medico, Guerini Studio, Milano
5. H. G. Schmidt and J.H.C. Moust (2002), L’arco di Giano, 34, 79-112
6 S. Lippell and J. Bligh (2002), L’arco di Giano, 34, 33-60

Benedetto de Bernard

Ho ritenuto opportuno effettuare una traduzione in Italiano del Post di Lee LeFever da mettere a disposizione di tutti, che potete trovare di seguito.

“Ripensando alla mia istruzione, devo dire che non sono stato uno studente brillante. Ho ottenuto voti decorosi e ho frequentato una buona Università, ma la scuola non ha mai fatto per me. In effetti, posso individuare qualche momento in cui ho perso la fiducia:

Mi trovavo in I Media e stavo frequentando una lezione di Matematica con la nostra Professoressa, la signora Paine (seriamente, Paine! [pain = dolore]). L’argomento trattato erano i Minimi Comuni Denominatori. Non ci capii niente. I compiti che mi furono restituiti erano pieni di correzioni, ma non riuscivo davvero a capire cos’era che avrei dovuto fare. Il resto della classe passò a un nuovo argomento mentre io continuavo a cercare di capire i dettagli. Quello di cui avevo bisogno era comprendere il ragionamento, non come, quanto perché. Fu in quel momento che iniziai a rimanere indietro e a temere Matematica, allo stesso modo in cui la temo oggi.

Un altro esempio mi è fornito dai miei studi Universitari: ho frequentato una Business School e non ho mancato di prendere qualche lezione di bilancio. Ancora una volta non riuscivo a capire. Alla fine superai l’esame, ma certo non perché avevo la stessa comprensione del funzionamento dei bilanci che riesco ad avere oggi. Ricordo ancora la prima lezione: il Docente partì direttamente a parlare di T-accounts, debiti e crediti, entrate e uscite, cogliendomi alla sprovvista. La prima reazione che ebbi fu di tentare di memorizzare tutta la parte dei debiti affiancata a quella dei crediti, invece di guardare l’argomento da una prospettiva ampia e pensare al flusso monetario. Non avevo un contesto da cui costruire la comprensione della materia.

Ripensandoci, un solido contesto è ciò che è sempre mancato nella mia istruzione. Se qualcuno riuscisse a inserire una nuova idea nel contesto del mondo reale o a mostrarmi come renda accessibili altre cose, la capirei. Ed è proprio questo il mio stile di apprendimento: ho bisogno del quadro completo prima che i dettagli possano avere senso. Trovandomi catapultato direttamente nei T-accounts e Minimi Comuni Denominatori, finii per rimanere indietro nel vano tentativo di memorizzare le cose invece che tentare di comprenderne il modo di funzionare. Quello di cui avevo bisogno di sapere era il perché – perché una cosa funziona proprio in un certo modo – e perché questo fosse importante per i miei fini.

A questo punto penso che la connessione allo stile dei nostri Video sia palese. Infatti sono basati esattamente su tutte quelle cose che secondo me non funzionano nell’istruzione. Quando mi imbatto in spiegazioni sul Web, mi ricordano la Scuola: danno troppe cose per scontate. A volte si precipitano direttamente sul modo di funzionare di una cosa, dando poco peso al contesto.

Per me questo è un gran bel problema, un problema che penso anche altre persone condividano. Quando viene il mio turno di spiegare qualcosa, mi sembra semplicemente giusto osservare il mondo dalla stessa prospettiva che per me avrebbe avuto senso in quel primo giorno di lezioni di bilancio: si tratta innanzitutto di arrivare al significato attraverso un solido contesto di base, per poi addentrarsi nei dettagli.”

Dato che il testo precedente è stato apprezzato da una persona (che volete fare, sono tempi duri per noi scrittori! :D) ne posto un secondo, realizzato in collaborazione con un amico romano. Se verrà apprezzato anche questo ne seguirà un terzo, e così via. Non sto rispettando l’ordine cronologico di scrittura, quanto l’ispirazione che ho sul momento.

Struggling all night long,
As agony grips my heart
I feel sweat trickling
Down my spine.
Must find a way
To escape the illusions of a place called reality
I don’t seem to be getting to

I’m injured
My chest has been torn open
And you took everything from it
I feel lost
The emptiness I once felt inside me…
You made it real.

I keep my eyelids closed,
Yet your light strikes through.
My ears are tortured
By the deafening cries of my dying soul.
I try to resist the pain,
Creeping along brambles in search of you
But they keep catching me…
They drag me back again and again.
I’m injured

My chest has been torn open
And you took everything from it
I feel lost
The emptiness I once felt inside me…
You made it real.

Cercando di liberarmi tutta la notte
Sento il sudore colarmi giù per la schiena
Mentre l’agonia mi afferra il cuore
Devo trovare un modo
Per fuggire dalle illusioni di un posto chiamato realtà
In cui non sembra che arriverò.

Sono ferito
Il mio petto è stato lacerato
E tu hai preso tutto ciò che c’era dentro
Mi sento smarrito
Il vuoto che un tempo sentivo dentro di me…
L’hai reso reale

Tengo le palpebre chiuse
Eppure la tua luce penetra
Le mie orecchie sono torturate
Dalle urla assordanti della mia anima che muore.
Provo a resistere al dolore,
Strisciando tra i rovi, cercandoti,
Ma continuano ad avvinghiarmi…
E a riportami indietro ogni volta

Sono ferito
Il mio petto è stato lacerato
E tu hai preso tutto ciò che c’era dentro
Mi sento smarrito
Il vuoto che un tempo sentivo dentro di me…
L’hai reso reale

Ho effettuato l’iscrizione a Twitter, provvedendo ad aggiornare il Profilo, con tanto di Avatar e aggiunta dei contatti menzionati dal Professore, anche se me ne manca ancora qualcuno.

Ho tentato anche l’ulteriore aggiunta proposta dal sito, tramite la ricerca tra i miei contatti E-Mail, ma non ha dato risultati (in effetti non sembrano in molti a conoscere questo sito).

Insoddisfatto ho dato allora una sbirciatina al Forum del Professore, trovando il Widget che collega direttamente il Blog a Twitter. Da quello ho preso spunto per creare il mio, che ho ‘implementato’ modificando leggermente il codice, in modo da renderlo più invogliante.

Credo sia tutto, alla prossima!

Devo dire che l’utilizzo di PubMed è piuttosto intuitivo, e che non ci sono stati grossi problemi ad effettuare una ricerca mirata dopo aver selezionato l’argomento che desideravo approfondire. Un primo tentativo l’ho effettuato impostando come Limits unicamente “Links to Full Text”, e usando come parole chiave “Carpal Tunnel Syndrome” (disturbo in continua discussione nell’ambiente Informatico e non): tuttavia questa metodologia portava a troppi risultati, ed ho quindi deciso di restringere il campo passando a usare come parole chiave “Carpal Tunnel Syndrome Computer” e cambiando i Limits in “Links to Free Full Text”. Questo accorgimento mi ha evitato di dover adottare ulteriori restrizioni di carattere cronologico, essendo passato da 3000 risultati iniziali a 8 finali. Ho quindi effettuato una selezione “manuale” tra quelli presenti, fino ad arrivare a questo. Un ulteriore approfondimento sull’argomento, di carattere più generale e con fonti diverse, è stato aggiunto tra i miei Bookmarks di del.icio.us.

Ho anche provveduto a inserire la pagina nel documento appositamento creato dal Professore su Google Docs.

Mi sono registrato a del.icio.us, il mio indirizzo è questo. Ho già provveduto a Taggare ciò che ho ritenuto degno di nota, aggiungerò altri links ai miei Bookmarks col tempo, a seconda del grado di interesse riscontrato.

 

 

E’ una mossa un po’ azzardata, ma posto uno dei miei ultimi testi, comprensivo di traduzione (per chi l’Inglese lo mastica un po’ meno). Penserò se aggiungerne ulteriori in futuro!

Lured to the surface by a bait I can’t escape
Falling a prey to your eyes again
Kittiwakes never hurt me this much
Now that all my flesh’s gone
My fish-bone will be your memento
Will you lend me your passkey to heaven?

You’re my ravenous angler
Whenever I kiss you my lips start bleeding
Why is your mouth so sharp a hook?

All the lies you rammed down my throat
I swear this will be my last choke
No longer will my mind rove back to my love for you
Your arms wrapped around my neck, they rub my skin
Just cast your bait, I know you’re somewhere, lurking
Once again I’ll give in without a struggle

You’re my ravenous angler
Whenever I kiss you my lips start bleeding
Why is your mouth so sharp a hook?

You’re my ravenous angler
Whenever I kiss you my lips start bleeding
Why is your mouth so sharp a hook?

Attratto verso le superficie da un’esca a cui non posso resistere
Cadendo nuovamente preda dei tuoi occhi
I gabbiani non mi hanno mai fatto così male
Adesso che non ho più carne
La mia lisca sarà tutto ciò che ti ricorderà di me
Mi presteresti il tuo passepartout per il Paradiso?

Sei la mia vorace pescatrice
Ogni volta che ti bacio le mie labbra incominciano a sanguinare
Come mai la tua bocca è un amo così affilato?

Tutte le bugie che mi hai cacciato giù in gola
Giuro che questo sarà il mio ultimo colpo di tosse
Il mio pensiero non ritornerà più al mio amore per te
Le tue braccia avvolte intorno al mio collo, mi scorticano la pelle
Lancia la tua esca, so che sei in agguato da qualche parte
Ancora una volta mi arrenderò senza combattere

Sei la mia vorace pescatrice
Ogni volta che ti bacio le mie labbra incominciano a sanguinare
Come mai la tua bocca è un amo così affilato? (x2)

 

Del.icio.us

TinyURL

Accorciate un URL con TinyURL!

Libri

mi avete visitato in:

  • 958